Missioni Estere Cappuccini

Emergenza alluvione: Hobiccia Badda (Etiopia)

Nelle ultime settimane Padre Marcello Signoretti, nostro collaboratore e referente per le adozioni e altri progetti in Etiopa, ci ha comunicato della grave situazione che stanno vivendo circa 1000 persone nella zona di Hobiccia Badda sul fiume Bilate nella Rift Valley in Etiopia. Abbiamo aperto una raccolta fondi e chi volesse sostenere questa emergenza lo può fare attraverso i nostri conti e specificare nella causale “Emergenza alluvione Etiopia”.

Di seguito le parole di P.Marcello Signoretti, sacerdote a Soddo – Etiopia:

“…Quando uno si trova in gravi difficoltà e grandi   necessità, a chi si rivolge se non agli amici e a  coloro che possono capire la tua difficoltà, i momenti  e le situazioni che ti turbano profondamente.
Vengo subito a spiegare quello che stiamo passando e cosa sta succedendo dalle nostre parti.Siamo nel pieno del periodo delle grandi piogge e abbiamo avuto qualche giorno fa delle piogge persistenti, e molte zone dei nostri  villaggi sono state coperte letteralmente dall’acqua  (bombe d’acqua).
Ho ricevuto la richiesta dal parroco di Abaia Bilate, ma sono anche andato io personalmente a visitare i nostri villaggi nella zona di Hobiccia Badda. Tutto sommerso, case, prodotti agricoli, animali, le due zone sono diventate dei laghi.
Credimi ho visto l’inferno. Gente ammassata (nuclei famigliari completi) sotto le tende del governo, senza cibo, senza vestiti, molti ammalati (data la stagione) e la fame.
I loro occhi sbarrati e pieni di  lacrime trasmettevano tanti sentimenti insieme: rassegnazione, impotenza e disperazione. Una marea di gente si è avvicinata a me circondandomi: si sono tutti inginocchiati per terra davanti a me supplicandomi di non abbandonarli.
Si tratta di circa 300  famiglie (con tanti bambini), tante vedove e tantissimi poveri nulla tenenti. Non ho potuto lasciarli senza promettere loro un aiuto, seppur piccolo. Tanto da tamponare l’emergenza e dare loro un poco di cibo (Granoturco e fagioli).  In attesa di aiuti del governo, se ci saranno…”
Foto di alcune zone fuori dal centro del disastro. 
Ancora non ci è stato possibile avvicinarci al centro del villaggio.

Giordano

Leave a Reply